Si celebra domenica prossima la Giornata che vuol mettere al centro dell’attenzione delle comunità ecclesiali le persone più in difficoltà. Proposta per la prima volta nel 2017 per volontà di Papa Francesco, sarà preceduta da una serie di iniziative promosse dal Dicastero per l’Evangelizzazione che andranno dalle visite mediche gratuite alla consegna di viveri e al pagamento delle bollette. Domenica mattina la Messa celebrata dal Papa in San Pietro

Sollecitare la Chiesa a “uscire” dalle proprie mura per incontrare la povertà nelle molteplici accezioni in cui essa si manifesta nel mondo di oggi: è l’obiettivo di fondo della Giornata mondiale dei Poveri fortemente voluta da Papa Francesco. 

L’ Acse nel suo piccolo è impegnata ogni settimana ad aiutare circa 500 persone tra famiglie e singoli. Purtroppo ultimamente si hanno grosse difficoltà a dare il settimanale pacco, dato che il Banco Alimentare non fornisce più viveri come pasta, olio, zucchero come una volta. Grazie a dei benefattori fino a oggi siamo riusciti mantenere l’impegno a fornire il pacco settimanale. Fino a quando non lo sappiamo.

Ecco la relazione del servizio alimentare ACSE che si svolge nella sede distaccata dell’ACSE di P.za S. Martino ai Monti 142/a

Nel 2022 sono stati effettuate, ad oggi, 29 erogazioni distribuendo 1.782 pacchi viveri a 346 tesserati di circa 40 nazionalità, suddivisi per utenti “Continuativi” e “Saltuari”. Le persone sostenute sono 594: 563 migranti, 2 disabili, 8 senza fissa dimora, 21 italiani. Dei migranti 346 sono in famiglia e 217 singoli, di cui 320 maschi e 243 femmine, suddivisi in 111 di età inferiore a 15 anni, 425 in età tra 15 e 64 anni e 27 oltre i 65 anni. Il materiale distribuito è pari a:

 3,5 tonnellate di derrate alimentari varie; oltre 1 tonnellate di latte; 400 Kg di verdura e/o frutta, proveniente dal Banco Alimentare.

 1 tonnellata di derrate alimentari varie provenienti dalla donazione annuale di € 10.000 delle Suore Guanelliane.

 10 carichi pari a circa 3 tonnellate di materiale per l’igiene e viveri effettuati da P. Milani per donazioni del Card. Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco, che ringraziamo per la sua grande disponibilità e benevolenza nei nostri riguardi. La preparazione dei pacchi viveri settimanali è fatta dalle anziane socie Anna Maria, Fulvia, le due Antoniette e Angela.

È continuata la distribuzione “mirata” dei vestiti e indumenti soprattutto per bambini.

Sempre nel Servizio alimentare abbiamo continuato la bella iniziativa che l’ACSE porta avanti da tanti anni: la distribuzione di “Pacchi di benvenuto” per neonati e la distribuzione di pannolini, omogenizzati e minestrine per i primi 1000 giorni. Un progetto molto dispendioso che però siamo riusciti a realizzare grazie alle numerose donazioni avute tramite le Suore Comboniane e P. Milani con i suoi amici. Senza dimenticare Adriana alla ricerca di “sconti”. Ci affidiamo alla Provvidenza per il futuro, inventando e realizzando per il 2023 nuovi progetti di solidarietà. Grazie anche al grande sostegno dei nostri volontari degli altri servizi Acse.

L’ ultima nota è la segnalazione di una difficoltà e una richiesta.

Il Banco Alimentare ha perso, causa i rincari, molti fornitori e abbiamo bisogno urgente di:

+ latte a lunga conservazione (che ora costa circa 1 € il litro). Ne diamo circa 80 litri la settimana; +  Legumi in scatola. I meno cari sono i fagioli a 0,49 € al pezzo.

Ne diamo circa 160 la settimana. Dobbiamo resistere fino a novembre, sperando che il Banco Alimentare risolva i problemi.

+ Ci vengono chiesti inoltre asciugamanilenzuoli e zaini per la scuola. Chi ne ha o può procurarli, li porti alla sede Acse di via del Buon Consiglio o al giovedì pomeriggio a Via S. Martino ai Monti.

Ringraziamo sempre il Signore per ciò che riusciamo a fare…. e grazie ai nostri volontari, veramente eccezionali e agli aiuti dei missionari e missionarie comboniani e delle Guanelliane.